Mini Bond per finanziare le imprese di costruzione nella riqualificazione degli edifici

Il mondo si preoccupa del futuro del pianeta e anche il mercato dei capitali é entrato in fermento e gli investitori si focalizzano sul settore dell’edilizia anche grazie all’introduzione dei ben noti bonus statali (110%, Ecobonus e Sisma-bonus) che li ha spinti a creare uno strumento di finanza pensato anche per le imprese di costruzioni; parliamo del mini bond, uno strumento alternativo al finanziamento bancario.

L’obiettivo concreto é quello di colmare la carenza di liquidità conseguente agli ultimissimi provvedimenti governativi che hanno introdotto una derie di restrizioni in materia di cessione dei crediti dando fiato e liquidità alle imprese impegnate nelle opere di riqualificazione energetica.

Ho avuto già occasione di spiegare la grande opportunità per le PMI sarde e italiane sia nell’emissione di Mini Bond che nella quotazione in Borsa in altri miei precedenti articoli.

Entrare nel mondo della finanza alternativa significa sicuramente dare una svolta alla propria impresa, divenendo molto più attrattivi per clienti, fornitori, istituti di credito, investitori, imprimendo una forte accelerazione al processo di crescita

Per conoscere i tempi di rimborso, i tagli e le condizioni dei Mini Bond dedicati alle PMI potete contattare il Gavino Guiso, Kredit Finder della società C&G Capital partner di Borsa Italiana.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: